8 corner per un matrimonio sensoriale a tema caffè

“Il naso è veicolo, spesso inconsapevole, di molteplici sensazioni; e in nessun momento il senso dell’olfatto gioca un ruolo così importante come nel contesto del consumo alimentare.” Così dice Alberto Capatti, coordinatore scientifico dell’Università di Scienze Gastronomiche. A questo proposito poche cose risvegliano l’olfatto come il profumo di un buon caffè, specialmente se è prima mattina e davanti a te hai la lunghissima giornata del tuo matrimonio.

Hai bisogno di una sferzata di energie e buon umore e…no…devi liberare la testa da qualsiasi preoccupazione, in fondo avere una sensorial designer al tuo fianco serve anche a questo, avere vicino qualcuno che si occuperà al posto tuo di qualsiasi imprevisto piccolo o grande possa arrivare.

Il caffè ha una forte valenza aromatica, che sa rievocare sia i riti collettivi sia le atmosfere più private. Le molteplici declinazioni del suo aroma, che spaziano dal cioccolato al caramello, dalle spezie al legno, si sovrappongono e si fondono in un risultato sensoriale complesso, che rischia di essere sottovalutato a causa dei nostri retaggi culturali.

In Italia infatti siamo abituati a gustarlo per lo più come bevanda, ma negli ultimi anni infatti il caffè ha subito una profonda rivalutazione che l’ha portato da classica bevanda di fine pasto (o inizio giornata), a spezia per arricchire il sapore dei cibi. Come potremmo inserire il caffè nel tuo matrimonio in maniera originale?In un matrimonio sensoriale a tema caffè potresti pensare di fare un‘intera cena gourmet basandoti su di esso. La caffettiera è una delle bomboniere moderne più utilizzate, e per delle partecipazioni sensoriali cartacee potresti utilizzare la carta realizzata da Favini con i sottoprodotti del caffè, la cui personalità emerge dai residui dei chicchi ben visibili sulla superficie.

Potrei elencarti tanti modi per includere il caffè nel tuo matrimonio sensoriale, ma oggi voglio concentrarmi sui corner tematici e sugli abbinamenti insoliti che potresti voler proporre ai tuoi invitati.


CAFFè E CIOCCOLATO


Cominciano con un grande classico: cioccolato e caffè. Quante volte al bar ti hanno dato il cioccolatino assieme al caffè? Quando accompagno mio suocero nel suo bar preferito facciamo un’equa divisione, lui prende il caffè e io il cioccolatino. Il cucchiaino di cioccolato poi è sempre una bella scelta. Quando mischi cioccolato e caffè l’equilibrio è però delicato e bisogna conoscerli bene per ottenere la migliore combinazione. Questo è dovuto al fatto che entrambi hanno caratteristiche simili. L’antica cioccolateria Gay Odin dice “È importante che il caffè non sia troppo tostato perché potrebbe coprire l’aroma del cioccolato. Quest’ultimo invece non dev’essere troppo dolce, nè avere un sapore troppo terroso, soprattutto se il caffè è amaro. In questo caso il cioccolato fondente possiede sicuramente tutte le caratteristiche per raggiungere la profondità aromatica perfetta.” 


CAFFè AROMATIZZATO


Una bella idea coinvolgente e originale potrebbe essere predisporre un coffee bar con degustazione di differenti caffè aromatizzati. In modo che gli invitati al tuo matrimonio sensoriale possano scegliere e gustare quello che preferiscono. Aggiungere la spezia direttamente assieme al caffè macinato nel filtro della moka permette di avere una buona aromatizzazione in modo semplice e veloce.

Il caffè all’anice stellato ha un gusto famigliare per chi ama il caffè corretto con la sambuca. Il caffè ai chiodi di garofano ci porta in un viaggio fra altre culture, soprattutto se abbinato ad altre spezie: cardamomo e cannella per il tradizionale caffè arabo, scorza d’arancia e cannella ricordano il vin brulé e il Marocco, cacao e cannella ed è subito Brasile. Altri possibili connubi tra spezie e caffè sono: noce moscata, cardamomo, zenzero e vaniglia. Assieme alle spezie sarebbe una cosa gradita se al coffee bar ci fossero anche scaglie di cioccolato in diversi gusti: al latte, fondente, aromatizzato e alle nocciole o la possibilità di dolcificare la tazzina con un cucchiaino di miele agli agrumi.

foto: theboxstreetsocial

 
GRAPPA E CAFFè


Queste due abitudini tipicamente italiane, rappresentano due elementi simbolo di condivisione di spazi, di momenti e di socialità. Riportano alla degustazione immersiva e slow da vivere direttamente nel territorio. Un’esperienze gusto-olfattiva unica, come la tradizione del “resentin“, che consiste nel bere il caffè e dopo versare nella tazzina un po’ di grappa per “ripulirla” assaporando le intriganti sfumature di gusto di entrambe le bevande. In questo caso il calore della tazzina e le note caratteristiche delle tracce di caffè rimaste sulla porcellana favoriscono la combinazione del carattere della grappa con il gusto del caffè.


CAFFè E SIGARI


Un’alternativa interessante al più conosciuto “cigar and rhum corner” è l’angolo con caffè e sigari. Ma come nel connubio fra sigari e bevande alcoliche, anche col caffè è necessario sceglierne uno simile al sigaro. Ad esempio un sigaro medio aromatizzato con toni nocciola e speziati, come molti dei Sigari Guantanamera, si accompagna bene ad un caffè al forno con noccioline medie. I sapori più leggeri e dolci dei Sigari cubani H Upmann si armonizzano divinamente bene con quelli di un caffè tostato leggero di produzione Sudamericana.


VINO E CAFFè


Tempo fa, Massimiliano Marchesi, sommelier e coffee ambassador per Nespresso aveva organizzato presso il ristorante milanese Aimo e Nadia una speciale degustazione, proponendo ai partecipanti l’insolito binomio caffè-vino. Le due bevande venivano servite in un unico contenitore, un calice per l’esattezza, la cui curvatura cattura meglio gli aromi di quanto non faccia la classica tazzina.


FRUTTA E CAFFè


L’abbinamento più comune è fra caffè e arancia, meglio se con una spolverata di zucchero (del resto, la marmellata di arance e il caffè sono compagni di colazione da molto tempo). 
Caffè e avocado, dal punto di vista gustativo, è per chi ama le emozioni forti. Per un connubio all’insegna del piccante, prova caffè e zenzero candito.
A quale altra frutta possiamo abbinare il caffè? Agrumi, banane, pere, frutta secca, cocco, uvetta.


CAFFè E FORMAGGIO 


Il Kaffeost, è l’inusuale abbinamento fra il caffè e il formaggio leipäjuusto, tipico della Finlandia e del nord della Svezia. Questa specialità locale, prevede che i due ingredienti vengano serviti e assaporati insieme. Quello che per noi è un abbinamento insolito, dai locali è visto, in realtà, come il modo migliore per esaltare i sapori di entrambi gli ingredienti, ottenendo un sapore e una consistenza ricca e cremosa.

 
AFFOGATO AL CAFFè


Perfetto per una golosa merenda a metà pomeriggio o da servire come sfizioso dessert post-cena: l’affogato al caffè, grazie all’intenso aroma dell’espresso, alla cremosità del gelato e al contrasto fra caldo e freddo, è un piacere intramontabile.

È però importante scegliere bene il gusto del gelato. Vaniglia e crema sono le scelte più classiche, il fiordilatte dona all’affogato un carattere più delicato. Se opti per un gelato alla nocciola o alla mandorla sappi che il retrogusto tostato esalta il sapore intenso e la sovrapposizione degli aromi. Gelato al cioccolato, cannella e pistacchio, sono più inusuali, ma si sposano bene con l’espresso. Sconsigliato l’uso del gelato al caffè: darebbe al dolce un sapore ridondante.


Corner o carrettini del gelato sono sempre delle scelte molto apprezzate dagli invitati, specialmente se hanno la possibilità di fare esperienze gastronomiche inaspettate e divertenti. Altri suggerimenti su come rendere sensoriali le tue nozze le puoi trovare nel mio libro “Matrimonio sensoriale. Fai vivere ai tuoi invitati un’esperienza coinvolgente“.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *