Matrimonio al Museo, pro e contro

Scegliere di fare un matrimonio al Museo, significa proiettare gli invitati all’ interno di un’esperienza indimenticabile e coinvolgente. Un vero e proprio tuffo alla scoperta del grande patrimonio artistico italiano.

Dai templi di Paestum al museo di Santa Giulia a Brescia, dalla Reggia di Caserta all’anfiteatro di Fiesole, dal Vittoriale degli Italiani sul lago di Garda alla galleria degli Stucchi di Jesi (considerata da blog inglesi come una delle 10 location più belle d’Italia dove sposarsi): sono solo alcuni dei beni culturali che cavalcano il trend dei matrimoni d’arte.

Giancarlo e Barbara vengono accolti dall’Ente Palio San Floriano

C’è chi visita tutte le mostre e chi quasi non ne ha mai vista una. Eppure sfido chiunque a rimanere indifferente ritrovandosi inaspettatamente in un matrimonio al museo, in mezzo ad arte e storia invece che nella classica location. I soffitti affrescati, i quadri appesi alle pareti, le passeggiate lungo i corridoi sotto l’occhio vigile di statue e sculture, la maestosità, il respiro della storia (antica e moderna), sono tutti elementi che rendono i Musei, luoghi esclusivi per celebrare le proprie nozze.

MATRIMONIO AL MUSEO: VALIDITA’

Il museo è un luogo originale, molto spesso si tratta di luoghi storici, in palazzi signorili con spazi e ambienti decisamente particolari e pregiati. Un connubio perfetto per unire la propria passione per il patrimonio artistico con lo svolgimento della giornata delle nozze. Attenzione però a non mettere il carro davanti ai buoi. Uno dei miei compiti più importanti è quello di verificare che la location sia riconosciuta dall’Autorità Civile affinché sia garantita la validità legale del matrimonio. In caso contrario si potrà celebrare solo un rito simbolico.

SVILIMENTO O VALORIZZAZIONE?

Davanti a questo trend che ha preso piede dal 2016, si contrappongono due correnti di pensiero. La prima è composta da coloro che gridano allo scandalo per la mercificazione dei nostri beni culturali. A questi si contrappongono coloro che vedono i lati positivi dello sposarsi in un Museo, che a ben vedere non sono pochi. Innanzitutto nuovi introiti per finanziare restauri, ricerca e borse di studio, ma anche un’occasione per avvicinare le persone alla cultura. E’ auspicabile infatti che gli invitati, aiutati dal programma delle attività delle nozze, colgano l’occasione per conoscere il museo/monumento/ecc in questione. In questo modo non considereranno la scelta della location solo come un’eccentrica scenografia, ma potranno lasciare la festa arricchiti di qualcosa che non conoscevano. Una valida alternativa al morire di noia in attesa della prossima portata o che voi sposi arriviate, no? Siete dubbiosi? Eppure i sondaggi hanno dimostrato che la noia è la causa maggiore del fallimento di una festa nuziale!!! Caso mai non vi bastassero tutti i commenti negativi che gli invitati lasciano sui social dopo un matrimonio.

MUSEO E TEMA DELLE NOZZE

Quando si parla di Musei si pensa immediatamente a mostre di quadri, ma ne esistono di diverse tipologie che permettono di adattarsi a differenti stili. Un’altra particolarità è che quando ci si sposa in un Museo è necessario considerare non solo il suo aspetto esteriore, ma anche il contenuto. Nel caso dei musei tematici (oceanografico, naturalistico, dei giocattoli eccetera) la tipologie di opere influirà necessariamente su tutto il mood delle nozze.

ricevimento di nozze al museo egizio

VILLE E CASTELLI

Edifici storici quali ville e castelli sono i più gettonati da chi sogna di fare un matrimonio da principessa Disney. In effetti in Italia possiamo vantarne di ogni stile ed età possibile, da quelli più antichi a quelli più moderni. Sono musei pieni di aneddoti su personaggi famosi e intriganti.

MUSEI ARTISTICI

Le collezioni di quadri sono una scelta elegante e raffinata come scenografia per le proprie nozze, ma esistono anche molti altri tipi di arti. Al museo Stibbert ad esempio, c’è una bella esposizione di armi, ma potreste optare anche per l’archeologia, l’arte vetraia, le cere, il cinema. Qual è quella che è più adatta per il vostro matrimonio al museo?

fonte: accademia italiana della cucina



MUSEO DEI TRASPORTI

I musei dei trasporti si prestano a molteplici temi di nozze. Non solo i classici tema “viaggio” o tema “mare”, ma anche cose più particolari quali “orient-express” o “scoperte”. Fra i luoghi più famosi dove fare il ricevimento di nozze ci sono il Museo Nazionale Scienza e Tecnologia di Milano e il Museo dei trasporti di Pietrasarsa. Ma è possibile scegliere anche il Museo dell’Aria di Padova, il Museo della Piaggio di Pontedera e il Museo della Marineria di Cesenatico.

LUOGHI STORICI PARTICOLARI

In aggiunta a quelli più scontati per la nostra mente, possiamo annoverare anche luoghi particolari che fanno parte della nostra storia. Alcuni esempi dove è possibile convolare a nozze sono: il filatoio rosso di Caraglio (Cuneo), masserie, l’antico lavatoio comunale di Guidonia e l’eremo dei frati bianchi ad Ancona. A queste location museali più di nicchia possiamo aggiungere anche esempi molto più famosi quali la Valle dei Tempi ad Agrigento, il museo sott’acqua, il Circo Massimo, il Teatro dell’Iride a Petritoli oppure la Scala di Milano. Per chi ama la lettura è inoltre possibile fare un matrimonio a tema libri, in due delle più importanti biblioteche italiane: alla Malatestiana di Cesena  e alla Classense di Ravenna. E per chi desidera fare un matrimonio all’aperto e a contatto con la natura? Il Giardino di Boboli o i Giardini Torrigiani sono un’ottima scelta.

Unicità, originalità, bellezza, eleganza e raffinatezza, mi sembra siano tutti ottime ragioni, ma se ancora non vi bastassero ci sono altri 9 motivi per scegliere un museo come location per le vostre nozze. Vi piace l’idea? Fatemelo sapere con un commento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *